Blog

Resta aggiornato sulle novità del Web.

Il colore di un Brand può davvero fare la differenza?

Scopri se il colore del tuo marchio rispecchia veramente la tua identità aziendale!

Ogni giorno veniamo bombardati da centinaia di messaggi pubblicitari e la maggior parte delle volte non ce ne rendiamo nemmeno conto. Spesso crediamo di aver scelto un prodotto piuttosto che un altro a fronte di valutazioni ponderate e strategiche, ma la nostra psiche è molto più influenzabile di quanto crediamo. Siamo davvero padroni delle nostre scelte? Ma soprattutto, quando commissioniamo il nuovo logo e l’immagine coordinata ad un’agenzia, quanto incide il corretto utilizzo dei colori?

Il Marketing e la psicologia dei colori vanno di pari passo, tant’è vero che negli anni sono stati effettuati molti studi in merito e uno dei dati più sconvolgenti emerge da una ricerca dell’Università di Winnipeg in Canada ed è la percentuale degli acquisti effettuati solo grazie al colore del packaging o del brand, evidentemente più gradevole e allettante di altri, addirittura il 90%.

Il comportamento del consumatore è quindi fortemente influenzato, sia positivamente che negativamente, dall’utilizzo di un determinato colore o gamma di colori. Ogni gradazione ha un suo significato ed una vera e propria identità, infatti i colori hanno l’innato potere di influenzare le persone in modi differenti. Per esempio, il sesso del nostro consumatore finale è un dato estremamente importante, le donne tendono a preferire tinte più chiare, colori pastello, amano il viola in tutte le sue sfumature e adorano il blu, mentre detestano il marrone oppure il grigio. Gli uomini invece tendono a scegliere il blu come colore principale, ma anche il verde e il nero vanno forte, i colori che invece non apprezzano per niente sono le tinte del viola, il marrone e l’arancione. Il rosso ed il verde sono apprezzati da entrambi i sessi, ma non sono tra i preferiti.

Vediamo insieme una panoramica dei colori più utilizzati ed il loro significato:

  • GIALLO: curiosità, creatività, felicità e calore. Il giallo è in grado di attirare l’attenzione, soprattutto se abbinato a colori che lo valorizzano come il blu, il rosso ed il nero. Ne sono un grande esempio Nikon, Shell, Mc Donald’s ed Ikea.
  • BLU: fiducia, professionalità, credibilità. Il blu è forse il colore più utilizzato nel branding mondiale, ma è anche molto delicato e va quindi abbinato e scelto con criterio. Utilizzando una tonalità sbagliata, il brand correrà il rischio di essere mal interpretato, risultando troppo distaccato e formale. Molte banche e società di credito si affidano al blu, così come le aziende del settore informatico, ma anche i principali Social Network come Facebook, Twitter e Linkedin.
  • NERO: eccellenza, lusso, eleganza. Il nero è il colore che definisce il lusso e l’esclusività di un brand. Riesce a trasmettere il concetto dell’eleganza meglio di qualunque altro colore. Viene infatti utilizzato dalle case automobilistiche e da griffe prestigiose come Chanel e Yves Saint Laurent. Altri brand, come per esempio Apple e Wikipedia hanno preferito le tonalità del grigio, sinonimo di sobrietà.
  • ARANCIONE: calore, comfort, socialità. L’arancio è un colore molto luminoso, incita all’interazione sociale e alla comunicazione. E’ in grado di instaurare un rapporto diretto con il cliente, corre spesso il rischio di essere considerato poco professionale. Ma se impiegato nel modo corretto svolge un’efficace funzione comunicativa. Alcune grandi aziende si sono affidate all’arancio, come per esempio Wind, Fanta e Amazon.
  • ROSA: femminilità, delicatezza, sentimento. Il rosa è da sempre associato alla femminilità. Le tonalità più chiare sono utilizzate per i prodotti destinati alle donne e alle bambine, mentre le gradazioni più intense stimolano la fantasia e la sessualità. I brands che utilizzano questi colori sono per esempio Carefree, Barbie e Victoria’s Secret.
  • VIOLA: qualità, lussuria, regalità. Tendenzialmente il viola viene utilizzato per brand di fascia alta. E’ sinonimo di lusso e mistero, non è sicuramente un colore alla portata di tutti. Dietro l’utilizzo del colore viola si celano grandi intenzioni.
  • ROSSO: amore, passione, dinamicità. Lo sappiamo tutti, rosso = passione, ma non solo! E’ forte simbolo di potere e di eccitazione. Il brand che ha fatto del colore il suo marchio di fabbrica è ovviamente la Coca Cola, così come Red Bull, Virgin e Nintendo.
  • VERDE: natura, vitalità, benessere. Il verde è il colore della natura e della spensieratezza. E’ molto utilizzato per i prodotti ecologici che rispettano l’ambiente. Alcuni brands famosi che utilizzano il verde sono Garnier, Spotify, Land Rover, X Box.
  • MULTICOLOR: diversità, possibilità di scelta, imparzialità. I marchi multicolor identificano la volontà del brand di essere imparziale e adatto a chiunque, indipendentemente dal sesso, dall’età, classe sociale, idee politiche, ecc. Si posizionano sul mercato come partner fidati a cui appoggiarsi in caso di necessità. L’esempio più lampante è chiaramente Google, di seguito troviamo Ebay, NBC, Microsoft.