Blog

Resta aggiornato sulle novità del Web.

Marketing mix: Strategie e metodi

 

Il concetto generale di marketing riguarda l’analisi dei bisogni dei consumatori e dei potenziali clienti stabilendo le azioni da intraprendere più adatte al fine di raggiungere gli obiettivi a medio e lungo termine, che l’azienda si impone. Per arrivare a tale scopo, è necessario che l’impresa attui strategie utili ad influenzare le scelte dei consumatori, ottimizzando tutte le risorse. Il marketing mix, l’insieme degli strumenti necessari al fine di raggiungere gli obiettivi di marketing di un’azienda, viene utilizzato a tal proposito.

Le leve del marketing mix partendo dall’impresa: dalle 4P alle 7P

Negli anni sono state elaborate diverse teorie per rendere il marketing sempre più efficace, quella a cui le aziende si sono affidate per anni è la teoria delle 4P che venne elaborata nel 1960 da Jerome McCarthy, professore ed autore di marketing americano:

  • Prodotto, il bene o servizio che l’azienda vuole immettere nel mercato;
  • Prezzo, il corrispettivo che il consumatore dovrà pagare per ricevere il prodotto;
  • Punto vendita o distribuzione, il canale utilizzato per far giungere il prodotto al cliente;
  • Promozione, pubblicità e pubbliche relazioni per favorire la vendita del prodotto.

Successivamente, con la continua evoluzione del mercato nel 1993 Robert F. Lauterboun ha integrato la teoria delle 4P per sottolineare l’importanza del fattore umano sia nelle relazioni con il cliente, sia nella gestione aziendale ed ha elaborato il modello delle 7P:

  • Persone, strategie elaborate per gestire il rapporto con la clientela presente e futura;
  • Processi, organizzazione delle azioni aziendali per minimizzare la spesa e massimizzare i profitti;
  • Percezione, consiste nelle recensioni e nei feedback lasciati da chi ha acquistato il prodotto.

Le 7P sono le variabili considerate attualmente per elaborare strategie aziendali redditizie e sono più orientate ai servizi.

Marketing mix: Le leve del consumatore, dalle 4C alle 6C

Prendendo in esame la visione del consumatore, Robert F. Lauterborn ha teorizzato il modello delle 4C:

  • Consumatore, indica che è necessario concentrarsi sui suoi bisogni;
  • Costo, in quanto vi sono altri costi oltre al prezzo tra cui quello di opportunità e quello di gestione;
  • Convenienza, la effettiva disponibilità e reperibilità dei prodotti messi a disposizione per l’azienda;
  • Comunicazione, al fine di ricordare alle aziende che creare un dialogo aperto con i clienti apporta benefici.

Anche in questo caso, l’evoluzione del mercato protratto verso l’e-commerce, ha portato ad aggiungere due elementi alle 4C facendole diventare le 6C:

  • Contenuto, la parte multimediale del sito utilizzata per la promozione del marchio;
  • Comunità, riguarda l’interazione dei consumatori con l’azienda tramite l’’ausilio di forum o chat.

Questo metodo mette in evidenza il target da soddisfare, valutando i costi sostenuti dal cliente per l’acquisto in un’ottica di commercio online. 

Il marketing mix è il primo punto da cui partire sia per promuovere un nuovo prodotto, sia per sponsorizzarne uno già in commercio. Sono fondamentali strategie e piani di mercato mirati, se necessiti di una consulenza specifica non esitare a contattarci.

 

Form by ChronoForms - ChronoEngine.com